Prestiti Personali

prestiti personali sono una delle forme di finanziamento tra le più diffuse ed è caratterizzata da agevolazioni varie in grado di adattarsi al maggior numero di persone e casistiche.
Sono soluzioni sono estremamente adatte per effettuare un certo numero di acquisti di beni e servizi o per disporre di denaro liquido per qualsiasi necessità o scopo, rientrando così di fatto nella categoria del credito non finalizzato, non essendo legate ad uno specifico bene o servizio e non prevedendo di dichiarare alla banca o all’istituto erogante le finalità per le quali il denaro sarà destinato.

Prestiti Personali: Caratteristiche del Finanziamento

Si può dire che lo scopo dei prestiti personali sia quello di finanziare una persona fisica che ha semplicemente bisogno di liquidità per scopi propri; per accedere al finanziamento tra la società finanziaria e il prestatario non interviene un dealer o rivenditore a mediazione dell’accordo. Infatti l’importo richiesto viene direttamente versato dalla finanziaria sul conto corrente del richiedente, attraverso un bonifico o un assegno circolare.

È importante assicurarsi che la società finanziaria sia iscritta all’albo dell’Ufficio Italiano Cambi, l’UIC: tuttavia dal Gennaio 2001 tale Ente è stato soppresso e le sue mansioni sono passate in gestione alla Banca d’Italia: sul link precedente, a tal proposito, troverete tutta le normative e le certificazioni che riguardano le società creditizie, i mediatori creditizi e gli intermediari finanziari.

I finanziamenti personali hanno di norma tasso fisso per tutta la durata del periodo di restituzione della somma prestata, quindi si tratta di un piano di ammortamento a rate costanti e deve essere espresso attraverso i valori del TAN e del TAEG rispettivamente il Tasso Annuale Nominale e il Tasso Annuo Effettivo Globale, che sono gli indici che abbastanza chiaramente informano sulla convenienza dell’offerta o se il relativo importo da restituire è eccessivamente maggiorato a causa di un interesse spropositato.

Prestiti Personali: Chi può Ottenerli e Garanzie

Il prestito personale è destinato a lavoratori dipendenti ma anche agli autonomi e liberi professionisti iscritti quindi ad un albo professionale, e non ci sono norme o particolari limitazioni circa il tipo di contratto: può accedervi chiunque, lavoratori a tempo indeterminato o determinato, con le dovute garanzie in casi particolari e in relazione all’importo richiesto, importo che, per le finanziarie corrette che si attengono scrupolosamente alle normative che regolano il credito a consumo non dovrebbe superare i 30.000 euro. A tal proposito il credito personale è erogabile a persone fisiche e non può essere concesso ad aziende per finanziare le proprie attività;

Come già detto tale forma di credito non richiede la presenza di garanzie particolari, come un’ipoteca iscrivendo un bene di proprietà a garanzia, ma è direttamente collegato allo stipendio del prestatario: i lavoratori dipendenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato non avranno, particolari problemi nel richiedere la cifra desiderata a meno di essere protestati o cattivi pagatori; per il lavoratori dipendenti a tempo determinato le difficoltà eventuali dipenderanno dall’importo e dalla scadenza del contratto: verrà, generalmente, concesso un valore che si riveli rimborsabile a fronte della scadenza del contratto di lavoro; in casi di potenziale insolvenza una fideiussione da parte di un garante sarà sufficiente di norma per l’ottenimento.

Sul sito del Sole 24 Ore trovate una vera e propria guida al prestito personale con tutte le caratteristiche di questo tipo di finanziamento, gli importi concessi, garanzie da presentare, cosa comporta un mancato pagamento di una rata, se è possibile estinguerlo anticipatamente e molto altro.